TELEBENE

La Televisione spirituale

Search

Follow Us

Telebene

 Telebene è una televisione Spirituale. Anzi è la TELEVISIONE SPIRITUALE. 

     

  Telebene è una televisione web cristiana impegnata da trent'anni nell'evangelizzazione e nella divulgazione della Buona Novella annunciata da Gesù Cristo, Figlio di Dio.

  Telebene è una televisione non istituzionale, ma umile e profetica, semplice e fresca come acqua di sorgente, con una particolare predilezione per la spiritualità e la mistica cristiana.

   Una Televisione web  che vive ed opera senza alcun aiuto, ma orgogliosa dello spirito di gratuità che anima i suoi membri, tutti desiderosi di annunciare Gesù Cristo OGGI, con i mezzi di OGGI. 


Telebene

  è L'unica Televisione  che opera senza fini di lucro, e senza alcun aiuto economico, ma solamente animata dallo spirito di servizio dei suoi collaboratori che gratuitamente hanno ricevuto e gratuitamente sono chiamati a dare. Questo è il vero, autentico, spirito che permea ogni anima che vive immersa nella dimensione mistica di un Dio che è amore, offre amore,  e richiede amore gratuito dalle  sue creature.


Vivere la Speranza

 Da questa settimana, il nostro programma Vivere la Speranza è trasmesso da TELEGOLFO sul Canale 810. 

L'emittente televisiva TELEGOLFO trasmette da Minturno (Latina) per il Golfo di Gaeta, il territorio del basso Lazio e l'intera Regione Campania, sulla frequenza 28 del digitale terrestre (Canale 810) 

Vivere la Speranza

 Il settimanale di cultura e attualità cristiana VIVERE LA SPERANZA è trasmesso sul digitale terrestre di TELEGOLFO i seguenti giorni:


 VENERDI        ORE 19,00

SABATO         ORE  23,00

DOMENICA   ORE 09,30                        




Vivere la Speranza 15 gennaio 2018. Il Chiostro di Santa Sofia in Benevento.


   Oggi presentiamo alcuni aspetti del profondo significato simbolico, biblico, salvifico, di uno dei monumenti più belli e incantevoli del sud Italia: il chiostro di Santa Sofia in Benevento. Il programma prosegue con lo spazio dedicato al Vangelo di Domenica 20 gennaio 2019, II Domenica del tempo ordinario. Verte sul primo miracolo operato da Gesù, a Cana di Galilea. Infine, ci sarà il Terra Santa News, realizzato dal Christian Media Center di Gerusalemme. Tra i video proposti questa settimana vi segnaliamo uno dei due provenienti da Betlemme, dove le chiese orientali, che seguono il calendario Giuliano, hanno celebrato il Natale il 7 di Gennaio. Poi vi invitiamo a prestare attenzione a un video dedicato ai “Sensi della Terra Santa”. Con il senso dell’udito, andiamo a conoscere di più sulla diversità culturale, di religione, lingua e perfino ad ascoltare il silenzio del deserto.


Petraroja, la Perla del Matese


  Situata nella catena meridionale del massiccio del Matese, a 818 metri di altitudine, Pietraroja gode di un in un’incantevole posizione dalla quale si dominano le valli del Tammaro a est, del calore a sud e del Volturno a ovest. Questa graziosa cittadina pedemontana è conosciuta non solo per il parco geopaleontologico al quale appartiene il fossile del cucciolo di dinosauro “Scipionyx Samniticus”, ma anche per le eccellenze alimentari, come il formaggio, i carrati, e il celeberrimo prosciutto di montagna.

   Con questo video, TELEBENE, la Televisione Spirituale, ha voluto portare alla luce i sentimenti veri e genuini, i problemi, e i valori profondamente umani e cristiani della gente di questo piccolo Borgo antico che vive e si rinnova sempre, miscelando sublimemente l’ethos del popolo Sannita con i principi eterni del Vangelo di Cristo.


Il convento cappuccino di Morcone: dove Francesco Forgione divenne fra Pio da Pietrelcina


   A Morcone, una pittoresca cittadina incastonata sul pendio di monte Mucre, in un'area verdeggiante e boscosa d'incomparabile bellezza paesaggistica, sorge il convento dei frati Cappuccini. Qui giunse, il 6 gennaio 1903, un giovane di sedici anni: Francesco Forgione. Il suo nome dice poco, ma entro qualche decennio sarà conosciuto in tutto il mondo con il nome di Padre Pio da Pietrelcina, una delle anime mistiche più straordinarie della Cristianità. Fra Luigi Lavecchia, dei frati minori cappuccini di Morcone, ci fa conoscere l’inizio del percorso di vita religiosa del Santo di Pietrelcina, raccontando aneddoti ed esperienze vissute, per circa un anno, nel convento di Morcone. Questo video rappresenta un importante contributo nella scoperta di uno dei periodi meno conosciuti di San Pio da Pietrelcina. 


Benevento: il Chiostro di Santa Sofia


   L’attuale chiostro di Santa Sofia risale alla prima metà del XII secolo, ed è parte del monastero annesso alla chiesa di Santa Sofia e costruito tra il 1142 e il 1176 dall’abate Giovanni IV. Oggi tutto il complesso è stato riconosciuto patrimonio universale dell’UNESCO. Il chiostro ha due percorsi: uno coperto e l' altro scoperto. Il percorso coperto sotto le logge o gli archi è quello di un quadrato, che però si compie in maniera circolare, antioraria. È un itinerario di eternità, un cammino di purificazione che appare plasticamente identificabile in alcune colonne annodate o attorcigliate. Esprimono l’inizio dell’itinerario ascetico e di sublimazione dell’anima.


Fra Carlo di san Pasquale: un candido giglio tra i prati del Matese (Cusano Mutri)

Zi' Monaco Santo: Fra Carlo di San Pasquale

Il Servo di Dio Fra Carlo di San Pasquale, frate santo francescano alcantarino di Cusano Mutri (Benevento).
    Per la Sua eroica scelta oblativa, fra Carlo è stato dotato di straordinari carismi, come la scrutazione dei cuori e lo spirito profetico. Ma è soprattutto il carisma di taumaturgo che ha reso particolarmente amato e venerato l’umile francescano di Cusano Mutri (Benevento)
    Con la sua vita semplice e francescana, Fra Carlo di San Pasquale ci dice che i valori eterni del Vangelo sono sempre attuali, specialmente se germinati in un popolo dalle antiche radici etiche e cristiane, come la gente che abita i borghi e le valli incastonate tra i monti del Matese, del Taburno e del Partenio.